high-view-diverse-wooden-characters-incl

AREA INCLUSIONE

Docenti referenti: Stefania Franchi e Arianna Groppi 

Torna indietro

ll liceo Respighi si propone di promuovere un ambiente di apprendimento inclusivo, che consenta di rispondere efficacemente alle necessità di ogni alunno.

 

L'espressione "Bisogni Educativi Speciali" (BES) è diventata di uso comune dopo l'emanazione della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012- "Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale scolastica". Rientrano nell’ampia definizione di BES tre grandi categorie: disabilità, disturbi evolutivi specifici e  situazioni che costituiscano una forma di  svantaggio  di natura socioeconomica, linguistica  o culturale.

Nel Piano Educativo Individualizzato (PEI), per studenti con disabilità, e nel Piano Didattico Personalizzato (PDP), per le altre situazioni di Bisogni Educativi Speciali,  vengono individuate le metodologie, gli strumenti compensativi e le misure dispensative per favorire l'apprendimento dell'alunno. L’elaborazione del Piano è il risultato di un confronto tra scuola, studente, famiglia ed eventuali operatori socio-sanitari.

 

Gli studenti in situazione di svantaggio linguistico, perché non italofoni, in orario extracurricolare, vengono avviati a corsi di lingua italiana come seconda lingua (L2)  grazie alla costituzione di una  rete di scuole superiori del territorio.

 

Nel liceo sono presenti due referenti per l'inclusione (Stefania Franchi e Arianna Groppi) e opera il Gruppo di lavoro per l'inclusione (GLI), formato da una rappresentanza di docenti, studenti, genitori, collaboratori esterni, operatori sanitari. 

 

Ormai da anni  è operativo in questo Istituto il Servizio di Ascolto, avviato per rispondere alle crescenti richieste di attenzione e di aiuto da parte di studenti che stanno attraversando un momento di particolare difficoltà scolastica o personale.  

Normativa